IFO - Istituti Fisioterapici Ospitalieri
Home Page  |  Chi siamo  |  Come raggiungerci  |  Informazioni Utili  |  U.R.P.  |  Ufficio stampa  |  Mappa del Sito  | 
IRE- Istituto Regina Elena
Chi siamo
La ricerca
Attività cliniche
Oncologia
Qualità di vita
Corsi e Convegni
Collabora con noi
Journal of Experimental & Clinical Cancer Research
Link
 

Terapia Radiometabolica della Tiroide


Presupposti Biologici
La terapia con  iodio-131 è un mezzo fondamentale e insostituibile per curare le neoplasie della tiroide in quanto agisce prevenendo o comunque rallentando la comparsa di recidive e/o la progressione della malattia. L’effetto terapeutico dello iodio-131 è reso possibile grazie alle capacità dello iodio di concentrarsi selettivamente nelle cellule tiroidee sia normali che patologiche dove effettua il suo effetto terapeutico lentamente nell’arco di alcuni mesi. La capacità di concentrazione dello iodio-131 all’interno delle cellule tiroidee è utilizzata anche a fini diagnostici mediante un esame chiamato “scintigrafia total-body 131-I o ricerca di metastasi di tumori tiroidei”


Diagnosi
La scintigrafia corporea globale con una dose traccia di iodio-131 si esegue sia prima dell’esecuzione di una terapia con iodio-131 sia per valutare l’andamento della malattia nel follow-up ad intervalli periodici dopo l’effettuazione della terapia stessa.

L’esame scintigrafico consente di:
a) individuare la presenza di tessuto tiroideo residuo dopo tireodectomia
b) identificare metastasi da tumore tiroideo sia loco-regionali che a distanza
c) individuare dopo l’ablazione del residuo tiroideo di recidive loco-regionali.

La scintigrafia si effettua ambulatorialmente e richiede due giorni: il primo giorno viene somministrata per via orale una capsula di iodio-131 (dose : 2-5 mCi); il secondo giorno (di regola dopo 48-72 ore dalla somministrazione) si esegue l’esame scintigrafico vero e proprio che include una scansione “total-body” ed eventuali rilevazioni statiche su regioni di interesse. La rilevazione scintigrafia dura circa ½ ora e prevede che il paziente sia sdraiato su un lettino mentre un grosso schermo passa sul suo corpo per ottenere l’immagine scintigrafica

Per una corretta riuscita dell’esame viene richiesto di seguire una preparazione specifica che è la stessa della terapia e richiede la sospensione temporanea della terapia con ormoni tioroidei.

Per particolari indicazioni viene utilizzata una metodica alternativa che non richiede alcuna sospensione ormonale (Scintigrafia con TSH ricombinante).


Terapia
La terapia è indicata per l’ablazione del tessuto tiroideo residuo dopo tiroidectomia, per il trattamento della recidiva locale, delle metastasi linfonodali loco-regionali e delle metastasi a distanza dopo tiroidectomia totale o parziale.

La terapia con iodio-131 consiste nella assunzione di una capsula per via orale in un’unica somministrazione. È una terapia  molto ben tollerata e si può ripetere, se necessario, numerose volte a distanza di un adeguato lasso di tempo. Esiste tuttavia, anche se ridotta, la possibilità di effetti secondari precoci (infiammazione delle ghiandole salivari, alterazioni del gusto, disturbi gastro-intestinali, edemi loco-regionali di modesta entità) per i quali verranno prese tutte le misure terapeutiche necessarie, ed effetti secondari tardivi (rarissimi casi di leucopenia, infertilità, leucemia e aplasia midollare). Per massimizzare l’effetto terapeutico viene richiesto di seguire una preparazione specifica nel periodo precedente la terapia  che permette di ottenere una concentrazione maggiore di iodio-131 a livello del tessuto tiroideo e di aumentarne così l’effetto.

Trattandosi di una sostanza radioattiva per effettuare tale terapia è necessario un ricovero di alcuni giorni presso il Reparto di Medicina Nucleare, che è un Reparto ad accesso controllato, dotato di stanze con speciali caratteristiche di schermatura per le radiazioni e di un impianto fognario dedicato per la raccolta dei rifiuti biologici radioattivi. Le stanze di degenza sono singole con bagno interno, televisore, telefono e sono dotate di ampia finestra. Durante il periodo del ricovero sarà chiesto di osservare alcune semplici regole che sono dettate dall’esigenza di contenere l’esposizione indebita a radiazioni per le persone che l’assistono e per la popolazione in generale e che si possono riassumere principalmente nei seguenti punti:

- Visite: non si possono ricevere visite all’interno del Reparto; si potrà comunicare con parenti e amici nelle ore di colloquio mediante un sistema di video-camera installato in un locale adiacente al Reparto e in collegamento diretto con la stanza di degenza. Inoltre la stanza è provvista di telefono con una linea dedicata abilitata a ricevere telefonate.

- Indumenti: verrà chiesto di portare all’interno della stanza solo indumenti a perdere che saranno quindi buttati al  termine del ricovero.

- Consumo d’acqua:  il consumo d’acqua nei servizi igienici dovrà essere limitato il più possibile

- Contatti con il personale: durante tutta la durata del ricovero  verrà chiesto di tenere la porta della stanza chiusa per tutelare il personale sanitario.

Durante il ricovero verranno effettuate quotidianamente misure di radioattività e quando il  livello di radioattività scenderà al disotto dei limiti di Legge, il paziente potrà essere dimesso dall’Ospedale se anche le condizioni cliniche lo permettono.  Nei primi giorni successivi alla dimissione, comunque, come ulteriore norma cautelativa, verrà richiesto di osservare alcune precauzioni che verranno consegnate dal Medico al momento della dimissione.


Follow-up
Al momento della dimissione verranno inoltre programmati tutti gli ulteriori accertamenti diagnostici necessari e le visite di controllo che si svolgeranno presso l’Ambulatorio della Medicina Nucleare a cadenza periodica a seconda delle necessità cliniche. I medici dell’ambulatorio sono a disposizione per ogni eventuale necessità clinica.


Accesso alle prestazioni
La valutazione e la programmazione della terapia radiometabolica e/o della scintigrafia total-body iodio con 131-I o la scintigrafia con TSH ricombinante vengono effettuate presso l’ambulatorio di Medicina Nucleare in corso di visita specialistica.  Per i pazienti che non sono seguiti già presso il Centro basta prenotare una “Visita Medico-Nucleare”. L’appuntamento viene dato entro 24-48 ore dalla richiesta. I tempi di attesa per la terapia sono molto brevi.




Ultimo aggiornamento: 19/05/2004
Top

  Prestazioni Medicina Nucleare
  
 
    Diagnosi e Terapia di Neuroblastomi, Feocromocitomi e Paragangliomi
    Diagnostica Scintigrafica dei Tumori Neuroendocrini
    Scintigrafie
    Terapie
    Terapia Radiometabolica della Tiroide
    Terapia Radiometabolica delle Metastasi Scheletriche
Cerca