Linea-di-ricerca-2

“Immunoterapia del Cancro”.
Responsabili: Virginia Ferraresi, Aldo Venuti
 
Descrizione Attività: La linea “Immunoterapia del Cancro” comprende l’attività di ricerca traslazionale pre-clinica e clinica, volta a: migliorare la conoscenza dei meccanismi immunologici antitumorali; dei processi di immunoevasione inclusi quelli mediati dal microambiente; ottimizzare la generazione di vaccini, cellule T ingegnerizzate e l’impiego di nuove molecole e strategie immunomodulanti. Le ricerche si basano anche sulla caratterizzazione di antigeni tumore-specifici e sull’analisi del profilo molecolare/immunitario (immunoprofiling) del singolo paziente. Infine, questa Linea è deputata ad individuare nuovi approcci di combinazione per ottimizzare la terapia e gestire al meglio la tossicità associata.
 
Background: È sempre più evidente che tutte le terapie anti-neoplastiche necessitano di un’attivazione del sistema immunitario dell’ospite per essere efficaci, come dimostrato storicamente per CT e RT. L’immunoterapia dei tumori rappresenta il quarto approccio alla cura del cancro, insieme alla chirurgia, RT e CT/terapia biologica. È una terapia che istruisce e/o riattiva le cellule del sistema immunitario in modo che possano riconoscere ed eliminare le cellule tumorali. I tumori alterano l'immunocompetenza dell'ospite, innescando fenomeni di resistenza immunitaria, in particolare le funzioni dei linfociti T tumore-specifici. Poiché molti checkpoints immunologici sono innescati da interazioni fra recettore e ligando, si sono sviluppate efficaci immunoterapie basate sul blocco di queste interazioni mediante anticorpi. L'identificazione di biomarkers predittivi di risposta all’immunoterapia è un'ulteriore informazione fondamentale per indirizzare il clinico verso una cura personalizzata.
 
Razionale: La caratterizzazione di antigeni tumorali ha permesso di concepire vaccini terapeutici ma permane la necessità di disegnare terapie vaccinali più efficaci. Al tempo stesso lo studio molecolare del TCR ha permesso di ingegnerizzare cellule T ad attività antitumorale da reinfondere nel paziente, sebbene di problematica applicabilità clinica. Le terapie con gli inibitori dei checkpoint sono efficaci ma l'identificazione di biomarcatori predittivi di risposta è fondamentale per selezionare i pazienti a maggior probabilità di beneficio limitando effetti collaterali . Elementi fondamentali per il successo della linea sono il biobancaggio e l’utilizzo di campioni da soggetti a rischio di insorgenza di tumori per cause genetiche,alimentari, comportamentali, ambientali e occupazionali, e l’approccio multidisciplinare che comprende competenze biomolecolari, immunologiche, virologiche, epidemiologiche, nutrizionali, radiodiagnostiche, radioterapeutiche cliniche e chirurgiche.
 
Obiettivi Globali: a)Identificazione e validazione di neoantigeni per nuovi vaccini. b) Identificazione di biomarcatori di risposta agli inibitori dei checkpoints immunologici. c) Immunoprofiling nel sangue e nel tessuto tumorale dei pazienti. d)Identificazione di meccanismi di immuno-sorveglianza e –evasione anche indotta da RT. e) Nuove terapie di combinazione.
 
Risultati attesi e misurabili nel triennio: 1) indentificare neoantigeni in diverse neoplasie e valutare la riposta immunitaria specifica per disegnare nuovi vaccini; 2) individuare alterazioni del microambiente tumorale che possano rappresentare nuovi target terapeutici; 3) identificare nuovi biomarcatori prognostici e teranostici. Il tutto sarà reso possibile grazie al bio-bancaggio di campioni tumorali. I risultati potranno produrre brevetti di interesse commerciale. Dal punto di vista clinico si condurranno studi il cui risultato atteso è la validazione del ruolo dell’immunoprofiling dei pazienti. Ci attendiamo di selezionare i pazienti per l’utilizzo di terapie combinate in base alla loro caratterizzazione molecolare.


     


 Elenco Progetti della Linea di Ricerca 2

  

Ricerca Traslazionale
N
TITOLO
1
Regolazione del metabolismo cellulare nella risposta a farmaci immuno-modulatori
2
Bersagli terapeutici per la riattivazione della risposta immunitaria nel tumore della mammella.
3
Attività antitumorale immuno-mediata di estratti polifenolici naturali
4
Identificazione di pathways dipendenti dalla regolazione del citoscheletro di actina coinvolti nell’invasione tumorale e nell’immunosoppressione
5
Decifrare il microambiente tumorale per identificare biomarcatori di risposta a terapie immuno-mediate e disegnare nuove strategie di immunoterapia combinata
6
Cellule staminali tumorali, instabilità cromosomica e immunoescape: implicazioni nei trattamenti di immunoterapia combinata e di precisione
7
Analisi del potenziale immunomodulatorio di vescicole extracellulari
 
Ricerca Clinica
 
8
Immunoterapia e melanoma: fattori clinico-biologici predittivi di risposta e strategie di combinazione/sequenza con target therapy
9
Vaccinazione HPV e controllo recidive dopo trattamento: valutazione dell’efficacia a livello molecolare, citoistologico e clinico.
10
Nuove strategie terapeutiche di combinazione di radioterapia frazionata e ICB: risposta clinica e immunoprofiling del microambiente tumorale
11
Infezioni virali e cancro: prevenzione, diagnosi e immunoterapia