Produzione Scientifica

Image
IRE: ATTIVITA' DI RICERCA 2014
 
Una delle mission di punta dell'Istituto Nazionale Tumori Regina è la ricerca biomedica. Sono circa uncentinaio i ricercatori impegnati nei laboratori IRE, oltre 200 il numero di pubblicazioni nel 2013 e nel 2014. Il numero di sperimentazioni cliniche attive sono 266 con oltre 4000 pazienti coinvolti.
 
L'attività di ricerca dell'Istituto è sempre più indirizzata verso gli studi traslazionali, in accordo con la programmazione sanitaria nazionale.  Un modello che provvede, partendo da dati biochimici, biomolecolari e di bioinformatica, a definire un approccio integrato e multidisciplinare alla gestione del paziente per applicarlo nella pratica clinica in tempi rapidi. La sfida è di raggiungere lacaratterizzazione molecolare personalizzata di tutti i pazienti, sia a fini diagnostici che terapeutici, coniugando le eccellenze della ricerca e della clinica.   
 
I tre settori di ricerca nei quali l'IRE opera sono quello biotecnologico, che punta al trasferimento tecnologico industriale, traslazionale, punto di forza dell'IRE, e clinica che mira alla massima innovazione, per un accesso preferenziale a nuove terapie potenzialmente efficaci, ma non ancora disponibili nell'ambito del SSN, e l'ottimizzazione delle terapie esistenti.
 
Fondamentale è inoltre il contributo della ricerca nel campo della prevenzione, sia primaria sia secondaria, un aspetto che richiede specifici programmi, opportunamente finanziati e con obiettivi mirati. In questo settore, la presenza di biobanche in Good Laboratory Practice (GLP) permette una continua implementazione di biomarcatori che consentono una diagnosi precoce della patologia.

Le linee di ricerca istituzionali sono quattro:
 

Per anticipare quella che diventerà una pratica  clinica comune nei prossimi anni, l'IRE si è dotato di strumenti di next generation sequence (NGS) da affiancare agli strumenti già presenti per l'oncogenomica e l'epigenetica e ha attivato programmi per l'impiego di queste tecnologie nella diagnostica e nella ricerca preclinica e clinica. Altro punto di forza dell'IRE è rappresentato dalle tecniche di imaging:  a partire dalle singole cellule (microscopia confocale), ad un intero organismo (in vivo imaging nei modelli animali), ai pazienti con la Risonanza Magnetica 3 Tesla che è uno strumento altamente innovativo, utilizzato per protocolli di studio e di ricerca nell'area Testa-Collo, neurologia, ginecologia, urologia, sarcomi molli.