AIDS Giornata Mondiale

Image

Con l’Hiv non si scherza. Questa la nuova campagna su Hiv e malattie sessualmente trasmissibili lanciata dal Ministero della Salute in occasione della “Giornata mondiale sull’AIDS” che si tiene oggi 1° dicembre 2017.

Secondo i dati diffusi dall’Oms alla fine del 2016 le persone sieropositive nel mondo erano 36,7 milioni. Dal 2016 a ora sono in cura con trattamenti retrovirali 20,9 milioni di persone.
Nel 2016 1 milione di persone è morto per cause correlate all’Hiv e i nuovi contagiati sono stati 1,8 milioni. Oms stima che nel mondo è pari al 70% la quantità di persone sieropositive che sanno di esserlo e per arrivare alla soglia del 90% ne dovrebbero effettuare il test altre 7,5 milioni.
L’impegno delle organizzazioni sanitarie nella prevenzione e nella somministrazione di cure antiretrovirali è costante e sta dando risultati. Le infezioni dal 2000 al 2016 sono diminuite del 39%, le morti di un terzo e 13,1 milioni di persone sono state salvate grazie alle terapie Art. Ma oggi solo il 54% degli adulti e il 43% dei bambini sono in terapia antiretrovirale permanente.
 
Con l’HIV non si scherza, proteggi te stesso e gli altri!
La campagna del Ministero della Salute è video e social, destinata in particolare a informare giovani e giovanissimi. È stata realizzata in collaborazione con Istituto superiore di sanità e Comitato Tecnico sanitario.
Due sono gli spot, testimonial Dario Vergassola e Giulia Michelini. Su YouTube la campagna sarà supportata da Willwosh, Daniele Doesn’t Matter e theShow.
In occasione della presentazione del Ministero della Salute e Iss sono stati pubblicati dati su Hiv e Aids in Italia relativi al 2016.
Nel 2016 sono state 3.451 le nuove diagnosi da Hiv ovvero 5,7 nuovi casi per 100.000 residenti; incidenza più alta nelle regioni Lazio, Marche, Toscana e Lombardia. 76,9% uomini. Incidenza maggiore 25-29 anni, età mediana 39 per gli uomini e 36 per le donne. Il 30,7% ha eseguito il test dopo aver riscontrato sintomi, il 27,5 dopo comportamenti a rischio e il 12,2% dopo controlli di routine.
Per quanto riguarda l’Aids dal 1982 a oggi sono quasi 69.000 i casi, 44.000 deceduti al 2014. 778 i nuovi casi nel 2016. Il 22% prima della diagnosi aveva eseguito una terapia antiretrovirale. Dal 1996 al 2016 le diagnosi di Aids su persone inconsapevoli della propria sieropositività è salita dal 20,5% al 76,3%.

In occasione della Giornata mondiale sull’Aids il Telefono Verde Aids e Infezioni Sessualmente Trasmesse (TVAIDS e IST) 800.861.061 avrà un orario prolungato 10.00-18.00.

L’Istituto San Gallicano è storicamente in prima linea nella lotta all’AIDS. L' Unità di Malattie Sessualmente Trasmissibili è  tra i centri partecipanti al Sistema Nazionale di Sorveglianza epidemiologica delle MST coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS).