Benedizione Presepe 2018

Image

 COMUNICATO STAMPA

 
Oggi la benedizione dell'opera restaurata e  donata all’IFO nel 2004 da un progetto sostenuto dalla Regione Lazio
IFO: IL PRESEPE NAPOLETANO “RITROVATO”
Dall’uomo all’opera d’arte. Il presepe è stato "trattato" da un chirurgo plastico del San Gallicano, Presidente dell’Associazione ANIMO
 
Roma, 14  Dicembre 2018 - Il Presepe artistico napoletano firmato Ferrigno torna a risplendere. L’importante opera del patrimonio artistico nazionale, è stata restaurata grazie ad ANIMO  Associazione Nazionale Trapianti d’Organo e Malattie Oncologiche. L’opera è stata donata nel 2004 grazie a un progetto di ANIMO sostenuto della Regione Lazio.
Il Vescovo Mons. Paolo Ricciardi, Ausiliare di Roma per la Pastorale della Salute,  ha benedetto il Presepe alla presenza di Francesco Ripa di Meana, Direttore Generale dell’IFO Branka Vujovic, Direttore Sanitario e Laura Figorilli Direttore Amministrativo.
L’evento non poteva che essere coordinato dal partenopeo Francesco Vaia, Direttore Sanitario di Presidio.
 
La meticolosa precisione tipica del chirurgo plastico è stata trasferita dall’uomo all’opera d’arte: il restauro infatti è eseguito delle abili mani di Emilia Migliano, dell’Unità di Chirurgia Plastica dell’Istituto San Gallicano e Presidente dell’Associazione ANIMO. Da oggi l’opera sarà protetta da una elegante teca di cristallo donata da una paziente.
 L’evento è stato accompagnato da un eccezionale concerto di canti gospel del Coro Virgin Mary Singer.
 
“Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a questo progetto e all’iniziativa di oggi – ha detto Francesco Ripa di Meana. -  Come il Presepe è simbolo mirabile dell’eterna alleanza, la nostra è una alleanza per il bene dei pazienti e dei cittadini. Una alleanza e un contributo affinché il Servizio Sanitario Nazionale e Regionale non perda mai la sua natura pubblica e universalistica, unica in tutto il mondo insieme a poche altre realtà nazionali.
Tantissimi auguri per un Natale di rinascita per l’IFO e per i nostri pazienti.”