Premiata ricercatrice IRE

Image

La ricercatrice dell’Istituto Regina Elena Marta di Martile, del gruppo di Donatella Del Bufalo, ha vinto con lo  studio dal titolo “The histone acetyltransferase inhibitor CPTH6 impairs tumor angiogenesis acting on both endothelial and cancer cells”, una borsa viaggio  dell’ American Association for Cancer Research e Società Italiana di Cancerologia (AACR/SIC) per il congresso annuale AACR che si è tenuto il mese scorso a Chicago.

I premi "Scholar-in-Training" sono altamente competitivi e vengono assegnati a coloro che hanno presentato studi di alta qualità. I Premi AACR-SIC Scholar-in-Training sono un'interessante collaborazione tra le due società, e si propongono di promuovere l'oncologia sperimentale, molecolare e traslazionale, con particolare attenzione agli aspetti clinici ed epidemiologici del settore.
 
“In questo studio – spiega Marta di Martile -  abbiamo individuato enzimi in grado di inibire l’angiogenesi, ovvero quel processo di formazione di nuovi vasi sanguigni partendo da quelli pre-esistenti. Si tratta di uno degli eventi cruciali che supportano la crescita e la metastatizzazione della maggior parte dei tumori solidi. Per tale ragione, l’identificazione di elementi in grado di inibire l’angiogenesi è uno dei possibili approcci per migliorare la terapia antitumorale.
Abbiamo valutato l’effetto anti-angiogenico di CPTH6, un inibitore delle acetil-transferasi istoniche (HAT) precedentemente caratterizzato dal nostro laboratorio per la sua attività anti-tumorale in differenti modelli, tra cui il tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC). L’attuale lavoro contribuisce a fornire delle informazioni circa il ruolo delle HAT nell’angiogenesi tumorale e propone questi enzimi quale possibile bersaglio per la terapia anti-angiogenica del tumore al polmone non a piccole cellule.”